Strutture

Ufficio per lo Sport

Con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 7 giugno 2016 è stato costituito l’Ufficio per lo sport e con Decreto del Segretario Generale del 1 settembre 2016 ne è stata disciplinata l’organizzazione interna. In questo ambito l'Ufficio: provvede agli adempimenti giuridici ed amministrativi, allo studio, all'istruttoria degli atti in materia di sport; propone, coordina ed attua le iniziative relative allo sport; cura i rapporti internazionali con enti ed istituzioni che hanno competenza in materia di sport, con particolare riguardo all'Unione europea, al Consiglio d’Europa, all'UNESCO ed all'Agenzia mondiale antidoping (WADA) e con gli organismi sportivi e gli altri soggetti operanti nel settore dello sport; esercita le funzioni di competenza in tema di prevenzione del doping e della violenza nello sport; svolge l'istruttoria relativa all'attività di vigilanza sul Comitato olimpico nazionale (CONI) e, unitamente al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in relazione alle rispettive competenze, la vigilanza e l'indirizzo sull'Istituto per il Credito Sportivo; realizza iniziative di comunicazione per il settore sportivo anche tramite la gestione dell'apposito sito web, in raccordo con le altre strutture competenti del Dipartimento in materia di comunicazione istituzionale; cura la concessione dei patrocini a manifestazioni sportive.

Dipartimento per le Politiche giovanili ed il Servizio Civile Universale

Il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale è la struttura di supporto al Presidente del Consiglio dei Ministri per la promozione e il raccordo delle azioni di Governo volte ad assicurare l'attuazione delle politiche in favore della gioventù ed in materia di servizio civile universale e di obiezione di coscienza. Il Dipartimento in particolare provvede: agli adempimenti giuridici e amministrativi, allo studio e all'istruttoria degli atti concernenti l'esercizio delle funzioni in materia di gioventù, con particolare riguardo all'affermazione dei diritti dei giovani all'espressione, anche in forma associativa, delle loro istanze e dei loro interessi e del diritto di partecipare alla vita pubblica all'inclusione sociale giovanile; alla prevenzione e al contrasto del disagio giovanile nelle diverse forme alla promozione del diritto dei giovani alla casa, ai saperi e all'innovazione tecnologica, nonchè alla promozione e al sostegno del lavoro e dell'imprenditorialità giovanile alla promozione e sostegno delle attività creative e delle iniziative culturali e di spettacolo dei giovani e delle iniziative riguardanti il tempo libero, i viaggi culturali e di studio; alla promozione e al sostegno dell'accesso dei giovani a progetti, programmi e finanziamenti internazionali e europei alla gestione del Fondo per le politiche giovanili, del Fondo di cui all'art. 1, commi 72, 73 e 74, della legge 24 dicembre 2007, n. 247, e del Fondo di cui all'art. 15, comma 6, del decreto-legge 2 luglio 2007, n. 81, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2007, n. 127; svolge attività di supporto all'Autorità politica nella vigilanza sull'Agenzia nazionale per i giovani di cui all'art.5 del decreto-legge 27 dicembre 2006, n.297, convertito con modificazioni, dalla legge 23 febbraio 2007, n.15, e attività di supporto all'Autorità nazionale dei Programmi comunitari gestito dall'Agenzia nazionale per i giovani; cura i rapporti con il Consiglio nazionale dei giovani nonché assicura le attività connesse alla rappresentanza del Governo negli organismi comunitari e internazionali e nei rapporti con gli organismi stessi in materia di politiche giovanili; provvede alla gestione delle risorse europee per la realizzazione dei progetti assegnati al Dipartimento nel quadro della normativa vigente e negli ambiti di competenza di cui al presente articolo verifica il corretto utilizzo delle risorse assegnate per gli interventi di rilevanza nazionale in materia di politiche giovanili. Il Dipartimento svolge le funzioni relative al Servizio civile universale, quale strumento finalizzato alla difesa non armata e non violento dell Patria, all'educazione, alla pace tra i popoli, nonchè ai valori fondativi della Repubblica, valorizzando il ruolo della politica attiva giovanile del paese, così come disciplinato del decreto legislativo 6 marzo 2017, n.40 e successive modifiche. In particolare: cura l'organizzazione e lo svolgimento del Servizio civile universale, nonché la programmazione, l'indirizzo, il coordinamento, ed il controllo, anche con riferimento alla valutazione dell'impatto, nonchè le attività connesse all'iscrizione degli enti all'Albo di Servizio civile universale, alla formazione, alla valutazione dei programmi di intervento ai fini dell'approvazione degli stessi, all'assegnazione e gestione degli operatori volontari, alla gestione degli obiettori di coscienza; coordina l'attività di supporto alla Consulta nazionale del Servizio civile universale, svolge controlli e verifiche ispettive di cui, rispettivamente, agli articoli 20 e 22 del decreto legislativo n.40 del 2017, e ne cura la relativa attuazione e svolgimento; cura, la programmazione finanziaria e la gestione amministrativa e contabile del Fondo nazionale per il servizio civile e tratta il contenzioso nelle materie di propria competenza; svolge i compiti inerenti l'obiezione di coscienza nonché le eventuali attività di cui all'art. 8 della legge 8 luglio 1998, n. 230, e dagli articoli 2097 e seguenti del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, in materia di obiezione di coscienza; cura le relazione con le Amministrazioni pubbliche, le Regioni e le Province autonome e tutti gli enti di servizio civile. Il Dipartimento si articola in non più di tre Uffici e in non più di nove servizi.

Torna all'inizio del contenuto